Libro caffè

Libro caffè

Per chi volesse partecipare, ricordiamo che la data del nostro prossimo appuntamento è giovedì 5 aprile alle ore 20.30 presso Casa Moro. il titolo dl libro è 1984 di George Orwell.

 

Autore

George Orwell nasce in India nel 1903 e muore nel Regno Unito nel 1950. Saggista, giornalista, viene a scrivere verso la fine delle vita i due importanti   romanzi di allegpria politica:La fattotria degli animali e 1984.

 

Trama

1984, romanzo fantaolistico e distopico è pubblicato nel 1949; l’azione si svolgeva in un fututo prossimo dove il potere si concentrava in tre immensi superpaesi, al vertice del potere c’era il Grande fratello onnisciente e infallibile, visto però solo sui grandi manifesti. Smith, il nostro personaggio, aveva il compito di censire i libri e i giornali che non sono in linea con la politica ufficiale , ma benché fosse tenuto sotto controllo comincia a condurre un’esistenza sovversiva

 

Feedback del’ 8 febbraio

La masseria delle allodole pubblicato nel 2004 è l’opera scelta per l’incontro di febbraio ed è il primo libro che parla del genocidio armeno- minoranza etnica all’interno del morente impero turco. Tutto avvenne nel 1915 – vi morì un milione e mezzo di persone. Massacro   ideato dal nuovo governo e attuato dai Giovani Turchi nazionalisti inneggianti a una nuova Grande Turchia. L’autrice del libro è Antonia Arslan, all’epoca docente di letteratura a Padova, la cui origine armena la porta dopo una lunga gestazione a scrivere quest’ antica tragedia familiare   e con essa disvelare quella del popolo Armeno. Con l'aiuto di una scrittura ricca, quasi fiabesca, narra una storia nutrita di verità e immaginativa ricostruzione aprendo ai nostri sensi un luogo ameno, lontano, abitato in serenità e agio dalla benestante e numerosa famiglia del bonario Sempad. Egli era diventato capofamiglia sostituendo Yervant fratello uterino e primogenito che giovanissimo era andato a studiare a Venezia presso i Padri Mechitaristi, custodi antichi della cultura armena, e non era più tornato dall’Occidente. In realtà perché era fuggito dal grande disaccordo con la matrigna. Ora stimato professore di medicina vive vicino a Venezia con la famiglia italiana. La nobile moglie e   due figli che di armeno portano solo il nome. Ma quando il “patriarca” suo padre muore, egli permette alla nostalgia di accettare l’invito di Smpad di   tornare a visitare con la famiglia il suo lontano paese. Grandi i preparativi d’ ambo le parti: Yervant con la sua “Isotta Fraschini, orgoglioso di mostrare la ricchezza raggiunta e, in stesso, la dignità “occidentale” conseguita. Il fratello invece restaura e rinnova la bella casa di campagna, dove si prepara una gioiosa accoglienza. Purtroppo è il maggio del 1915 e la guerra ha inizio su fronti avversi, il viaggio ne è impedito e nello stesso tempo la tragedia armena e della famiglia di Sempad comincia. La pulizia etnica di quella minoranza è stata decisa. Il governo turco in modo subdolo e silenzioso fa trucidare prima i maschi colti e abbienti poi va a eliminare tutti i maschi, infine un’atroce e lenta tabula rasa per: donne , vecchi e bambini, che da ogni parte del paese dovranno confluire nella strada che porta al deserto poi continuare il cammino fino a morire. Fame, sete , sfinimento e atrocità indicibili faranno ricoprire quell’arido terreno di tante ossa che non sono più persone. È stato questo l’olocausto Armeno mai riconosciuto dal paese che l’ha perpetrato, tant’è che ancor oggi in Turchia chi ne parla è perseguito penalmente; ma non è riconosciuto neppure da altri paesi tra cui uno che di vergogna dovrebbe arrossire: Israele!.

Andiamo però nella piccola città da Sempad farmacista benvoluto il “custode della salute” animo ingenuo che non contempla “la doppiezza, né l’inganno” e riposti i ricordi di eccidi efferati avvenuti solo pochi decenni prima è convinto che con il nuovo governo le cose per il suo popolo miglioreranno. Ora ci sono deputati Ameni in Parlamento e uno di essi gioca abitualmente a tric-trac con il Ministro dell’interno! Quello stesso che ne   ordinerà poi lo sterminio. Ci sono voci che sussurrano un pericolo, ma egli pensa d’accomodare facilmente tutto con la solita mancia al suo amico colonnello, il comandante del reggimento di stanza in città. Per precauzione ad ogni modo non si presenterà in Prefettura com’è stato ordinato a tutti i maschi armeni, ma va con alcuni amici alla Masseria delle allodole, dove poi con un’improvvisata –in realtà dettata dalla preoccupazione- lo raggiungerà la moglie Shushanig con il resto dei familiari. E sarà proprio in quel luogo che   in modo feroce e vergognoso, verranno uccisi tutti i maschi presenti- e la testa di Sempad sarà nella gonna di Shushanig e un “fiore rosso sul muro” lo disegna la piccola testa di un bimbo e un’orribile regalo sarà nella bocca di Krikor il fraterno amico-. Solo il piccolo Buba si salverà perché causalmente veste con abiti di bimba. Poi ciò che resta della piccola città armena: donne vecchi e bambini   s’incammineranno verso una destinazione ignota., costretti tutti al Grande viaggio, quello del Grande Male. I curdi nelle scorrerie rapinano –ne hanno il permesso- chi li scorta, i zaptiè -ex galeotti-–stuprano e giocano uccidendo, ogni bestialità ha licenza e poi la fame, la sete –nessuno può dare aiuto perché ci sono pene severissime. Il sole e le pietre trasformeranno quest’umanità in scheletri cenciosi già fantasmi nell’incontrare la morte. Eppure, con gioielli cuciti nel vestito e una forza d’animo che arriva fino al sacrificio della vita, le donne proteggono i piccoli. I figli di Sempad ce la faranno perché Shushanig ha incredibili e riconoscenti amici turchi: la lamentatrice funebre, il mendicante e il prete ortodosso che tra espedienti e rischi riescono ad appoggiarla   sino ad Aleppo dove e con una rocambolesca fuga e il sacrificio di Azniv troveranno rifugio assieme alla madre presso lo zio Zareh. S' imbarcheranno un anno dopo per Venezia, aiutati dai Djelal l’innamorato turco della povera”rosa di maggio” Azniv, ma ora che i bimbi sono al sicuro Shushanig abbandona la vita e solo i quattro bambini saranno accolti dalli zio Yervant..

Una lettura importante questa perché informa, tra i lettori molti conoscevano poco il dramma Armeno, e fa riflettere e temere perché l’orrore che è stato compiuto -e sovente ancora si ripete- mostra, la radicata capacità nell’uomo di essere atrocemente malvagio.

I lettori hanno amato quest’opera anche per la scrittura poeticamente ridondante, alcuni ne hanno contestato invece proprio lo stile, convinti dell’inautenticità poetica in una prosa in cui l’emozione forte del tragico non avvince e tiene a distanza. A difesa dell’autrice si può ricordare che la sua non è stata esperienza vissuta in prima persona e che il   tono del suo sentire emozioni sia eredità derivata dall’ essere in parte figlia   del quel “mite e fantasioso” popolo armeno. Si è poi   dibattuta proprio quest’aspetto “la passività”, la rassegnazione armena con cui hanno accettato l’annientamento. Avevano pur subito, come minoranza cristiana e in anni abbastanza recenti, gravissimi eccidi e i segni premonitori? Reali e percepiti in quel “ sentivo” più volte menzionati, sapevano e subito scordavano, come mai ? Fatalismo oppure il quotidiano di persone pacifiche non lascia cogliere future connessioni pericolose? “Se ci sei dentro, non vedi” afferma una lettrice, non tutti hanno lo spettro ampio che permette misurazioni lontane. Abbiamo ricordato Etty Hillesum, la sua forza che sembra passività, ma lei scelse il sacrificio sebbene sapesse, già aveva colto i segni della tragedia ebraica ma non ne era fuggita. Il colonnello invece non comprende in tempo il cambiamento messo in atto dai Giovani turchi -che comunque non condividerebbe – non ha potuto far niente per Sempad se non dare a quei morti – lì alla Masseria ancora persone- una sepoltura dignitosa. Nelle donne si è riconosciuta la capacità pragmatica, l’organizzazione comunitaria e la coraggiosa resistenza per salvare i bambini- e la generosità di Azniv la “dolce sorella ” tornata innocente dall’essersi offerta per il pane ai bimbi e che per loro, combattendo con il canto, fiera dona la vita. Generosità anche nello strampalato terzetto turco: nella laminatrice Ismene, nella spia Nazin, nel prete Isacco. Riconoscenza, rimorso, vergogna li ha portati a soccorrere a oltranza la rimanente famiglia di Sempad. Ma è stato il comportamento e la personalità di Nazim, la spia-mendicante, a incuriosire: lui precipita il massacro alla Masseria e poi si sente un indegno - Sempad era sempre stato buono con lui!- Qualcuno suggerisce che i rischi e i pericoli corsi da quest’uomo l’abbiano portato a un riscatto trasformandolo in un uomo nuovo, altri non concordano aveva una colpa da riequilibrare e c’è un codice d’onore anche nella Confraternita dei mendicanti ma lui rimarrà sempre solo lo stesso, un mendicante ambiguo . La Confraternita si rende subito conto che la fine della comunità armena , da altri definita “inferiore e imbelle” avrebbe comportato invece la perdita di umanità generosa con tutti. E’ questi, infatti, un   piccolo antichissimo popolo cristiano, il primo a professare liberamente questo culto già dall’anno 301. Un popolo colto con un proprio alfabeto , amante della scrittura e con il culto del libro , posto a cavallo tra l’Oriente e l’Occidente “incrocio di civiltà” ma volto all’occidente. Progressista dove le donne studiavano e all’occasione decidevano e poi sapevano anche portare i cappellini di Parigi!, godevano pertanto di una libertà che alle donne turche non era concessa.

Nell’altro fronte che ne è stato di Yervant, il fratello italiano autorevole e orgoglioso?Non c'è più nessun paese e famiglia da cui tornare: l’IsottaFraschini in garage, ora…le spalle spioventi,   un silenzio doloroso e solitudine nel cuore per molti anni sino a che, aprendosi alla nipotina Antonia, riuscirà a parlare del suo piccolo lontano martoriato paese e lei divenuta donna matura consegnerà quella storia alla scrittura.

 

 

News ed eventi

Libro caffè

Appuntamento a giovedì 5 aprile 2018 alle ore 20,30.

leggi tutto

5° concorso fotografico a Spazio Ragazzi

Per gli studenti delle scuole medie - scad.13/04/2018&n...

leggi tutto

Segnaliamo: Il mondo del cane

A marzo, giovedì 1-8-15-22

leggi tutto

Concorso "Il presepe mi piace" 2017

Spazio Gioco a favore dei "Bambini di Cernobyl"

leggi tutto

Libro caffè

Appuntamento a giovedì 1 marzo 2018 alle ore 20,30 ...

leggi tutto
prev
next
Il Centro per la famiglia “Casa Moro” è un'iniziativa realizzata
con il contributo della Regione del Veneto Assessorato alle Politiche sociali, Volontariato e Non profit
Contributo Regione Veneto  Veneto Famiglia